Dispositivo Anticalcare Elettromagnetico

Con Acquavib l’acqua manifesta qualità sorprendenti e inattese

Installazione

1. In quale punto dell’impianto va installato ACQUAVIB?

ACQUAVIB va installato subito dopo il contatore dei consumi idrici al fine di garantire la circolazione dell’acqua trattata in tutto l’impianto a servizio dell’immobile, ponendo attenzione ad installarlo secondo il verso di scorrimento dell’acqua nel circuito, indicato dalla freccetta blu impressa sul rivestimento esterno del dispositivo..

2. Se ho un serbatoio di accumulo dove va installatoACQUAVIB?

E’ bene installare ACQUAVIB opo il serbatoio in modo da trattare l’acqua istantaneamente al momento dell’erogazione dopo serbatoi e filtri, in ogni caso sulla mandata di uscita dall’autoclave.

3. Potete aiutarmi a scegliere il modello ACQUAVIB più adatto al mio impianto idrico?

Puoi avvalerti della nostra consulenza gratuita inviandoci una foto del sito di installazione (ad esempio la nicchia del contatore dell’acqua), ti suggeriremo una modalità di installazione fattibile da comunicare al tuo installatore di fiducia.

4. Devo installare un filtro prima di ACQUAVIB?

ACQUAVIB non necessita di essere preceduto da filtri per funzionare correttamente, tuttavia si consiglia di installarne uno per proteggere tutto l’impianto da eventuali residui grossolani presenti nell’acqua che possano ostruire ad esempio i filtrini rompigetto dei rubinetti.
I filtri non concorrono al funzionamento di ACQUAVIB, tuttavia possono essere installati tra il contatore idrico e ACQUAVIB.

5. Di cosa bisogna tener conto per l’installazione di ACQUAVIB?

Date le dimensioni del dispositivo è facile trovare un modo agevole di installarlo sugli impianti esistenti; resta necessario verificare che la posizione di installazione scelta permetta un’agevole inserimento dell’anticalcare elettromagnetico ACQUAVIB. Si consiglia di affidare l’installazione ad un professionista.

Manutenzione

6. Ogni quanto va sostituito ACQUAVIB?

Non va mai sostituito, per concezione costruttiva ACQUAVIB è un dispositivo che non può subire decadimenti di sorta né sui componenti, né sul prodotto finito. Non prevede la sostituzione né la manutenzione nel tempo.

7. ACQUAVIB ha costi di manutenzione?

No, ACQUAVIB non ha costi di manutenzione in quanto i suoi componenti non sono suscettibili di usura meccanica o chimica.

Domande generali

8. ACQUAVIB è un filtro che elimina il calcare?

Assolutamente no. Il calcare (calcite incrostante) viene trasformato con l’azione del dispositivo in aragonite (non incrostante, avente consistenza di polverina friabile) , per cui non nuoce più a tubazioni, macchine e apparecchiature, ma l’acqua conserva il calcio e il magnesio a beneficio dell’alimentazione umana.attenzione ad installarlo secondo il verso di scorrimento dell’acqua nel circuito, indicato dalla freccetta blu impressa sul rivestimento esterno del dispositivo..

9. Dove finisce il calcare presente nell’acqua dopo il passaggio nel dispositivo ACQUAVIB?

Resta in sospensione nell’acqua sotto forma di aragonite e trasportata nel flusso idrico, restando disponibile come nutriente a beneficio di chi la beve.

10. Quali effetti ha ACQUAVIB sull’acqua potabile?

ACQUAVIB non cambia in nessun modo la composizione chimica dell’acqua ma agisce solo sul calcare presente in essa, trasformandolo in aragonite. Non incide sulla chimica dell’acqua e quindi neanche sulle caratteristiche di potabilità della stessa.

11. Cambia la durezza dell’acqua trattata con ACQUAVIB?

Resta invariata, restando all’interno dell’acqua le stesse quantità di calcio e sali minerali.

12. Quali test semplici posso fare per verificare che ACQUAVIB funzioni effettivamente?
MINI TEST ACQUAVIB(Scarica qui)
13. ACQUAVIB inquina l’ambiente?
Assolutamente no, anzi, è un dispositivo che protegge l’ambiente consentendo di limitare l’uso di detersivi e prodotti chimici in generale.
14. Ci sono altri vantaggi offerti da ACQUAVIB oltre alla funzione anticalcare?
L’acqua manifesta un elevato potere detergente (sgrassante) sia nell’igiene della persona che su qualsiasi tipo di superficie quali stoviglie, superfici, tessuti, con effetti benefici a tutela dell’ambiente e dell’economia domestica.

Domande generali

15. Che differenza c’è tra ACQUAVIB e un addolcitore o un impianto a osmosi inversa?

ACQUAVIB non ha bisogno come gli addolcitori:

• di alimentazione elettrica

• di resine e additivi chimici

• di prodotti di processo (sale)

• di lavaggi frequenti di manutenzione

• non produce scarichi inquinanti

• non priva l’acqua dei preziosi sali minerali come calcio e magnesio

• non modifica le caratteristiche chimiche dell’acqua

• non è ingombrante

• non ha parti in movimento tantomeno usurabili

• non ha pompe o circuiti elettrici

ACQUAVIB non agisce chimicamente sull’acqua come gli addolcitori, in particolare non mette in atto scambio ionico per sostituire il calcio col sodio non benefico per la salute umana.

ACQUAVIB non agisce come gli impianti ad osmosi inversa, che nel trattamento dell’acqua di rubinetto già idonea e garantita all’uso umano, prima con azione chimico-meccanica viene privata di ogni contenuto salino, poi, per renderla nuovamente idonea al consumo umano, viene rimineralizzata con una percentuale di acqua grezza e con l’aggiunta di sali ottenuta dal passaggio dell’acqua trattata attraverso una cartuccia a rilascio di sali di calcio e/o altri minerali.
D.Lgs. 31/2001 (le acque destinate al consumo umano devono avere una durezza compresa tra 15 e 50 gradi francesi)

16. Che differenza c’è tra ACQUAVIB e un anticalcare magnetico?

ACQUAVIB non ha magneti al suo interno, pertanto l’acqua non passa attraverso un campo magnetico ad elevata intensità e il dispositivo non rischia mai di ostruirsi se manca un filtro che lo preceda.

Torna in alto